Sutta sutta

Si scatenano favole su favole in Sutta Sutta 2006, come già in Sutta Sutta 1985. Accerchiano il mondo circostante, e mai lo aggirano. Lo affrontano di petto e lo prendono di petto, centralmente, là dove schiuma tutta la prepotenza e l’ipocrisia della non umana società, grande centauro che con la testa accarezza e liscia e con i piedi scalcia contro i più nobili sentimenti umani. Parlano gli animali, come già avevano parlato nelle favole di Esopo e di Fedro. Da questi due strepitosi favolisti il Guerrisi procede, ma a loro non si arresta, né li ripete nel genere. Egli è primo e solo nella straordinaria operazione d’interruzione di ciò che caratterizza e sembrava essere il destino del raccontare per favole: l’episodicità. Alla quale non si sono sottratti né i favolisti antichi né i favolisti moderni e contemporanei. Le favole del Guerrisi non sono moralità, chiuse in sé, soddisfatte di sé. Disegnano un cammino e mettono in evidenza, per la prima volta nel genere favolistico, l’esistenza di un personaggio principale, nel nostro caso l’asino, che si ripercuote di favola in favola, e lascia la porta aperta ad una visione organica dei guai del mondo. Quando questo accade, come è accaduto, si è di fronte alla trasformazione della favola in romanzo. Proprio quello che mancava alla letteratura italiana.

15,00

COD: 8881013355Categorie: ,
Anno di pubblicazione

2006

Numero pagine

192

Collana

Poesia

Formato

Cartaceo

ISBN

88-8101-335-5

Autore

Guerrisi Parlà Vincenzo

Recensioni

Non ci sono recensioni

Scrivi una recensione a: “Sutta sutta”

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Editorial Review

[contact-form][contact-field label="Nome" type="name" required="true" /][contact-field label="Email" type="email" required="true" /][contact-field label="Sito web" type="url" /][contact-field label="Messaggio" type="textarea" /][/contact-form]