Risorgimento e mafia in Sicilia: i mafiusi della vicaria di Palermo

Il persistere della mafia è un rischio mortale per la democrazia. Perché i comportamenti antimafia siano però razionalmente efficaci nel loro impatto con la complessità della società civile contemporanea non basta mettere a nudo le logiche contrapposte che guidano le mafie contro la democrazia e i suoi valori; occorre anche una conoscenza adeguata dei processi storici che hanno prodotto le mafie fissandone i tratti concreti salienti e la proiezione mitica nell’immaginario collettivo. I mafiusi di la Vicaria di Giuseppe Rizzotto, qui riproposto, è un testo che si rivela una vera e propria cartina di tornasole per capire le radici storiche del fenomeno mafioso, i suoi legami con valori popolari diffusi, il conflitto tra sentimenti non abietti e tendenze alla prevaricazione criminale presenti tra gli affiliati, l’ambiguità e la polivalenza di un messaggio sul quale la mafia avrebbe cinicamente ed astutamente costruito le proprie durature fortune.

9,30

COD: 888101A001 Categorie: ,
Anno di pubblicazione

1991

Numero pagine

112

Collana

Interventi – Il Filo d’Arianna: Mafia, ’Ndrangheta e Camorra

Formato

Cartaceo

ISBN

88-8101-A-001

Autore

Di Bella,

Di Bella Saverio

Recensioni

Non ci sono recensioni

Scrivi una recensione a: “Risorgimento e mafia in Sicilia: i mafiusi della vicaria di Palermo”

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Editorial Review

[contact-form][contact-field label="Nome" type="name" required="true" /][contact-field label="Email" type="email" required="true" /][contact-field label="Sito web" type="url" /][contact-field label="Messaggio" type="textarea" /][/contact-form]