Nuovi studi pirandelliani

PRESENTAZIONE DEL PIRANDELLIANO DRAMMATURGO-SOLE OMEROS-REMOS (Castore-Socrate-Cristo Anér) L’AULETA TROVATORE DELL’ARMONIA-ANIMA (albaurora-rosa Itaca = tragedia = diapason-paradiso = amor-Roma) DELL’OPERA-GIORNATA UNA-LUSTRALE (Iliade-Natale della catarsi-concordia-purgatorio) DELL’ATTORE CENTOMILA (di “Questa sera si recita a soggetto”) E TRINACRIA-FISICA (Odissea-Pasqua della catastrofe-discordia-inferno) DEL POETA-PERSONAGGIO UNO-NESSUNO (delle “tre parti scritte”)

Questa calzante presentazione (un «j’accuse») dell’agrigentina (greca) Mirella Salvaggio dimostra che “Il fu Mattia Pascal” (“Il Libro del Tesoro”) del Drammaturgo-Sole-Dio-Uomo Pirandello-Omero (Teseo) permette d’entrare nel Teatro-Labirinto Greco, il teatro omerico-umoristico (teatro grottesco): “la favola del figlio cambiato” («Lei è la favola del paese!»): il DRAMMATURGO-SOLE (Taumaturgo Calogero-Ercole-Eracle Salvatore) AULETA TROVATORE (medium Mida-Mani Lavate) dell’ARMONIA-AMORE-LEGGE (l’essere-non essere-zero oscuro del teatro greco all’aperto: l’Opera-Giornata Una-Lustrale e Trinacria-Fisica: ”le tre parti scritte”: aurora-alfa del vivo fuorilegge ritrovato Personaggio-Spirito Nessuno del tempo; mezzanotte-beta del sepolto sconosciuto Libro-Figlio Centomila del luogo; mezzogiorno-gamma del morto conosciuto Poeta-Padre Uno dell’azione) che pare il FUORILEGGE DRAMMATURGO-ATTORE (Bacco Panede-Paneade) CONTE DI LUNA (Levatrice Emorroissa) perso nelle AVVENTURE AMOROSE (l’apparire luminoso dell’assurdo spettacolo: “la commedia delle donne”: il teatrino delle marionette vestite) di “Questa sera si recita a soggetto” al Teatro Stabile di Girgenti-Agrigento («Imbecilli! Cretini! Ridete della vostra ignoranza!»). La scrittrice siciliana fa vedere “il teatro di strada” di Pirandello-Omero, il Drammaturgo-Sole Calogero-Cristo (Oreste) Anér (Nero), il Gigante Nudo, il Signore (Omeros-Remos) della Nave (Trireme) della MONTAGNA (Rup’Atenèa = Acropoli) d’AKRAGAS (alta montagna = Opera-Giornata Trinacria = piramide-olimpo-calvario scala-sedia-croce rábdos-remo) la città dell’OLYMPIEION (Tempio del Drammaturgo-Sole Dio Zeus-Toro-Bove-Giove Falaride), il TEATRO dei GIGANTI (cento numeri-numi-lumi spenti = cento punti-chiodi levati). In questa Città Atenèa (della Luna Elettra lettrice del vangelo-lettera del Sole Oreste), dove regna “la commedia barbara” del ricco cieco-imbecille internazionale Pirandello Centomila è stata uccisa “La Tragedia Greca” (“antica speranza”) del povero lungimirante-intelligente girgentino Luigi Uno-Nessuno (Castore-Remo Socrate-Crise-Cristo Anér): «… o forse sperò che il suo lascito dovesse col tempo e con la comodità accendere nel loro animo l’amore per lo studio. Finora, ne posso rendere testimonianza, non si è acceso: e questo dico in lode de’ miei concittadini. Del dono anzi il Comune si dimostrò così poco grato al Boccamazza (Minotauro Minosse-Falaride), che non volle neppure erigergli un mezzo busto…» (Luigi Pirandello,”Il fu Mattia Pascal”). Per Giorgio Bárberi Squarotti la poetessa-lettrice Salvaggio ha rivoluzionato gli Studi Pirandelliani e non solo: « (Torino, 30 gennaio 2009)… forse è opportuno inviare il Suo libro a studiosi pirandelliani e a riviste e giornali siciliani e milanesi e d’altre regioni ancora… (Torino, 5 marzo 2009)… non ha pensato a qualche presentazione pubblica? In Sicilia non è più andata? E a Milano?… Che fa adesso?…» (Giorgio Bárberi Squarotti, “Lettere a Mirella Salvaggio”). Maria Filomia In copertina: piatto greco a figure rosse con scena di teatro (il Drammaturgo-Attore-Ciclope di Luna Civetta, la Dea Atena-Elettra Conduttrice del teatro-giorno-incendio-lume-miracolo d’Akragas-Girgenti-Agrigento). Berlino, Staatliche Museen. «… mi svolse, dico, una sua concezione filosofica, speciosissima, che si potrebbe forse chiamare lanterninosofia…». Pirandello, “Il fu Mattia Pascal” «… E come in una notte burrascosa, prevedendo il cammino, qualcuno si arma di lume…». Empedocle, “Poema Lustrale (Iliade) e Fisico (Odissea) = Lettera Iatrosofistica” «… Un mio zio andava con un lanternino in mano per quella campagna (Villa Caos) in cerca d’una contadina (Luna Demetra) che aiutasse mia madre (Vecchia Girgenti) a mettermi al mondo (= Girgenti deve svelare il mistero, l’armonia-anima, il natale del Drammaturgo Sole Dio Uomo). Pirandello, “Informazioni sul mio involontario soggiorno sulla terra”

10,00

COD: 9788868229344 Categorie: ,
Anno di pubblicazione

2020

Numero pagine

pagine48

ISBN

978-88-6822-934-4

Collana

collana

Formato

Cartaceo

Autore

Salvaggio Mirella

Recensioni

Non ci sono recensioni

Scrivi una recensione a: “Nuovi studi pirandelliani”

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Editorial Review

[contact-form][contact-field label="Nome" type="name" required="true" /][contact-field label="Email" type="email" required="true" /][contact-field label="Sito web" type="url" /][contact-field label="Messaggio" type="textarea" /][/contact-form]