Nuovi studi pirandelliani 13

PRESENTAZIONE DEL TEATRO-MITO-DRAMMA-DRAMMATURGO (“Il fu Mattia Pascal romanzo del fu Luigi Pirandello”) IL COLOSSO TIRANNO TELAMONE-NOME (dalle braccia legate nell’armonia-nomos-croce) IL DIO (Epimeto-Mito-Giorno d’armonia-anima-muraglia) UOMO (fuoco del Taumaturgo-Sole Prometeo) IL FANTASMA (Conte di Luna Polluce) DELLO SPIRITO (Ecnomo) DELL’UOMO (Sole Castore-Socrate-Cristo) L’AULETA TROVATORE (Mida) DELLA TRAGEDIA (armonia-anima-aria aperta-albaurora-rosa Itaca) LA CATASTROFE (zero-oro corona) DELLA PORTA (vello-croce) DEI VENTI (Numeri Argonauti) D’AKRAGAS

L’agrigentina (greca) Mirella Salvaggio in questo testo presenta il MITO-DIO-CRISTO-SANSCRITO-CRITONE (del Taumaturgo Sole Oreste-Calogero Castore-Socrate Crise-Cristo Anér, “Il capretto nero” della Valle dei Templi), il LOGOS-VANGELO-VITANGELO-ANGELO CENTUNO GELLIA (il dialogo-duello da leggere (con la ciclopica mente-occhio) nell’ideogramma geroglifico delle due idee-giornate-bacchette-braccia incrociate), il DRAMMA-GIORNO-DIO (idea-sogno-pensiero finzione-sfinge-fantasma-fantoccio sipario-canovaccio-intreccio-incrocio) UNO (il sepolto Nome-Figlio Pandoro-Toro-Bove-Giove-Zeus Atabirio-Olimpio Candido-Lindo-Falaride Acrone del presente) e TRINO (del vivo Spirito-Personaggio Ecnomo (fuorilegge) del futuro del morto Poeta-Padre Crono del passato): la LETTERA GIORNATA UNA (croce) e TRINACRIA-TRIMURTI (rábdos): la PORTA CHIUSA (il Mito-Grande Me Epimeto-Metone-Metello, l’ammannato-macaduro Gigante, il Figlio Acrone sepolto nella Val d’Akragas) e la PORTA APERTA (dal pugno forte dello Spirito-Personaggio sveglio dello stanco morto sudato Taumaturgo-Sole Prometeo, il Padre Crono Auleta Trovatore dell’armonia-pietra-giaca-rocca del Caos-Cosmo-Pan d’Akragas) dell’ARMONIA-ANIMA-ARIA APERTA: la TRAGEDIA-PSICHE-PASSIONE-FUOCO (anima-amor-Roma Karma-muraglia manna-mano firma-legge), la TROVATURA (taurocolla), il TESORO (segreto mistero), l’ORO (zero tao-tau croce-chiodo-cuneo-chiave corona-fede-nodo Legge-Nomos dello Spirito Fedone-Fedro-Foco-Feace-Fenice, il Rosario-Romano dell’Albaurora-rosa Itaca-Pitica-Picàta-catastrofe) del VELLO (tela-croce d’armonia-pugna di cento Numeni-Numi-Lumi Spiriti -Venti Antenati Argonauti Legislatori Giganti Centimani) portato da LUIGI PIRANDELLO, il POETA-IO UNO-I (del Gigante Cipresso della Val d’Akragas) NESSUNO-O (del Gigante Pino del Caos d’Akragas): «Ebbene, fu qua che i due giganti m’apparvero, una notte di quest’inverno. Qua, nel punto del muro propriamente ove quel pino sorge come un grande O accanto a quel cipresso dritto come una grande I, che alti la notte nel cielo stellato possono, oh beati!, scrivere un IO in due…» (Luigi Pirandello, “I due giganti”). Ci piace ricordare che la scrittrice siciliana è letta nelle biblioteche italiane: «(Bari, 10 aprile 2010)… grazie per l’invio della Sua Opera, che metteremo al più presto a disposizione dei nostri lettori, quasi tutti docenti o studenti presso l’Istituto «S. Fara» della Facoltà Teologica Pugliese. La modernità e la verità della lettura pirandelliana della storia potrà far riflettere ancora oggi quanti si pongono le ineluttabili domande di senso, afferenti alla grande domanda di Dio e su Dio…» (Pier Giorgio Taneburgo, “Lettera a Mirella Salvaggio”). Alla Poetessa Salvaggio auguriamo di presentare, un giorno, il Suo “Pirandello-Puranghellos (Spirito-Personaggio Messaggero dell’Amore-Fuoco-Zolfo Omerico)” all’Accademia di Atene, dov’è molto apprezzata. Caterina D’Alcàntara

10,00 7,00

COD: 9791220501071 Categoria:
Anno di pubblicazione

2022

Numero pagine

48

ISBN

979-12-205-0107-1

Collana

collana

Formato

Cartaceo

Autore

Salvaggio Mirella

Recensioni

Non ci sono recensioni

Scrivi una recensione a: “Nuovi studi pirandelliani 13”

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Editorial Review

[contact-form][contact-field label="Nome" type="name" required="true" /][contact-field label="Email" type="email" required="true" /][contact-field label="Sito web" type="url" /][contact-field label="Messaggio" type="textarea" /][/contact-form]