Vittime di mafia

[wc-ps]

Se la ’ndrangheta pensava (attraverso l’autobomba che ne ridusse a brandelli irriconoscibili le carni) di cancellare dalla memoria della storia Gennaro Musella, si sbagliava di grosso! A trent’anni dalla sua morte, egli è ancora qui, accanto a noi, ad indicarci, con il suo esempio, la strada da seguire.
Diceva Milan Kundera: “La lotta dell’uomo contro il potere, è la lotta della memoria contro l’oblio”.
Ma il non dimenticare deve oggi servire a non rendere vana la sua morte ed a costruire sulle basi della memoria il nostro futuro e quello della Calabria, dell’Italia tutta…
L’esempio di Gennaro Musella non può che costituire un punto di riferimento valido per gli imprenditori di oggi, per i cittadini e per i giovani…
La memoria dei fatti, puntualmente ricostruiti da questo libro, deve costituire un segnale chiaro e forte di cambiamento, di rinascita, di riscossa morale e sociale…
Sconfiggiamo l’atavica rassegnazione, la neutralità, l’indifferenza che ancora albergano diffusamente in queste terre: la storia, la vita, il sacrificio di Gennaro Musella deve rimanere in eterno come un monito alle coscienze di tutti gli italiani.

8,4916,00
5,9411,20
ebook - cartaceo
Visualizzazione veloce
Scegli

Vittime e ribelli

[wc-ps]

Non si può capire la particolare natura della ’ndrangheta, se non si comprende il ruolo delle donne. Un importante aspetto che Umberto Ursetta riesce a cogliere con questo libro che va ad aggiungersi nella storiografia sulla ’ndrangheta a un altro testo fondamentale, quello di Renate Siebert. Ursetta, una vita a insegnare diritto, ricostruisce in modo scrupoloso fatti, circostanze, indagini e processi. Quello che ha scritto è un libro di cui si sentiva il bisogno e che merita di essere letto.

http://da Lea Garofalo a Giuseppina Pesce

7,9915,00
5,5910,50
ebook - cartaceo
Visualizzazione veloce
Scegli

Vivere

[wc-ps]

Ernesto Carnevale, nelle sue composizioni, provvede ad una disamina attenta della realtà umana, evidenziando egoismi ed ipocrisie, che falsano la verità e che creano ingiustificati consensi, nonché ad una profonda ed appassionata ricerca di una realtà in cui l’uomo possa vivere con gli altri uomini in pace, giustizia e libertà. E in questa disamina e ricerca domina sempre come soluzione dei grossi problemi trattati la presa di coscienza dell’umanità dell’uomo, unico valore cui l’uomo stesso deve commisurarsi per giudicare il suo operato: guardarsi dentro come uomo e riconoscere negli altri la stessa umanità. -Domenico De Rosi-) (Ricerca di senso espressa in domande suadenti, ricerca di luoghi che diventano “anime” e si inverano tra le immagini del passato, che rincorre le storie dell’Io e dell’uomo, il quale rimane a contemplare il “sussistente” divenendone cantore inesausto: sono queste le domande che materiano il verso di Ernesto Carnevale. La ricerca filosofica e l’interrogativo sull’esistenza del soggetto, sul suo per-sistere, istruiscono i componimenti di Vivere indirizzandoli di continuo sull’interrogativo impellente di dire la verità delle cose e la felice contraddizione con la quale vengono espresse. .Antonio D’Elia-)

10,00 7,00
Visualizzazione veloce
Aggiungi al carrello

Voci d’Italia fuori dall’Italia

[wc-ps]

In un momento in cui, soprattutto in Italia, si moltiplicano i segnali d’allarme
sulla perdita di memoria collettiva e sul progressivo venir meno dell’interesse
per le ricostruzioni comme il faut del passato di cui insigni
studiosi come Adriano Prosperi non esitano a deprecare la “distruzione” in
atto – al di là della crisi della cultura umanistica e della storia quale disciplina
accademica denunciata anche da David Armitage e Jo Guldi nel loro
The History Manifesto – assieme al ruolo benefico alle volte (ma non in questa)
dell’oblio, sembrano resistere ed anzi rafforzarsi, mescolandosi fra loro,
parecchie forme più moderne e sempre più interattive di comunicazione.
Tra esse, esposte e come appese ai fili di uno stesso processo di cambiamento
tecnologico a dir poco radicale e anzi rivoluzionario, continuano ad
esistere le notizie assemblate dai giornali la cui digitalizzazione rientra però
nel novero di un più vistoso fenomeno di «mobilità attraverso diverse piattaforme
» che Aldo Grasso ha opportunamente definito «il nuovo linguaggio
della memoria» parlandone in un convegno milanese del 2019 a proposito
de La storia pubblica. In questo incontro vari esperti s’interrogavano su
memoria, fonti audiovisive e archivi digitali dopo che da alcuni anni altri
studiosi, ad esempio quelli del cinema e della fotografia, erano intervenuti
pronunciandosi sugli effetti del digital turn nella storiografia del proprio
settore sino a concludere, come Gian Piero Brunetta e Carlo Alberto Zotti
Minici, che d’ora in avanti nulla sarà più come prima. A occhio e croce si
può essere d’accordo con loro estendendo la considerazione all’ambito della
storia del giornalismo e in particolare di quella sua fattispecie rappresentata
dalla stampa cosiddetta allofona degli immigrati o per gli emigranti fiorita
negli ultimi due secoli all’estero prima di discutere il cui ruolo e il cui rilievo,
ovviamente al centro di questo libro, occorre spendere qualche parola
sui contesti nei quali, oggi come oggi, essi possono, se pure non devono,
essere ripensati e affrontati.

9,9920,00
6,9914,00
ebook - cartaceo
Visualizzazione veloce
Scegli

Voci e figure di donne

[wc-ps]

Atti del Convegno di studio Sassari 22-23 ottobre 2008
( A cura di Laura Fortini e Mauro Sarnelli)


 

Nel Rinascimento l’avvento della stampa permise a molte scrittrici di rendere pubblico in Italia e in Europa il proprio percorso di scrittura e di praticare generi letterari come la poesia di marca petrarchista, l’epistolografia, la poesia epico-cavalleresca. Esempi significativi di questo processo che allora ebbe inizio sono Vittoria Colonna, Gaspara Stampa, Chiara Matraini, come, più oltre, Lucrezia Marinella, insieme alle molte altre che si cimentarono nel difficile rapporto con la tradizione letteraria e l’invenzione di scritture e forme della rappresentazione del sé che ciò richiedeva: Luisa Bergalli fu la prima a raccoglierle in antologia nel Settecento e a rendere loro omaggio. Ma le voci di donne sono anche quelle delle clarisse umbre dell’Osservanza e delle monache cappuccine che dalla Spagna di fine Seicento arrivarono a Sassari per fondarvi un convento, quella della poeta inglese Aemilia Lanyer e di Sara Copio Sullam, che visse e scrisse nella Venezia del primo Seicento. La presenza delle scrittrici nel panorama culturale europeo ha modificato anche le forme della rappresentazione del femminile così come la tradizione, anche eccelsa, ce lo ha consegnato: è il caso della Pia di Dante, il cui enigma arriva fino a Margherite Yourcenar.
La riflessione critica che ha avuto luogo in questi trenta e più anni presenta oggi i caratteri di risultati maturi che permettono di articolare la questione del canone letterario in modo altro e diverso: grazie alle opere a firma di donne, alle loro figure, alla critica, la letteratura si arricchisce di esperienze innovative che interrogano anche il presente per l’alterità che esse rappresentano e la tradizione culturale europea acquista prospettive fino ad ora impensate.

18,00 12,60
Visualizzazione veloce
Aggiungi al carrello

Voci filosofiche del nostro tempo

[wc-ps]

Questo libro, che vuole ripercorrere le vie della cultura filosofico-politica attraverso le voci di alcuni pensatori significativi del nostro tempo, nasce da convinzioni maturate già da non pochi anni. La ricerca filosofica fin dalla sua nascita è speculazione con fini teoretico-pratici, cosicché non sembra rispondere al vero il giudizio di Marx, secondo cui i filosofi si sarebbero limitati ad interpretare il mondo piuttosto che cambiarlo.

14,00 9,80
Visualizzazione veloce
Aggiungi al carrello

Volevo essere Bogart

[wc-ps]

William Profeta, giovane stella del cinema e delle serie televisive, nonché idolo degli adolescenti, scompare in circostanze misteriose dal Caliban Hospital di Los Angeles. Unico indizio: uno strano messaggio d’addio scritto sul cuscino con un rossetto rosso cremisi…
Un terribile incidente sul set gli ha sfigurato il volto e da quel giorno è costretto a combattere contro demoni interiori che non gli concedono un attimo di tregua. Inquietanti visioni lo perseguitano. Mentre è vittima di questo calvario psicologico, si prepara ad interpretare il ruolo che fu di Humphrey Bogart nel remake del film IN A LONELY PLACE (1950), uno dei capolavori del regista Nicholas Ray. William studia la sua parte con una dedizione maniacale che lo porterà a vivere il confronto con il mitico attore del passato come una vera e propria ossessione…
Una storia nella storia, densa di suspense, romanticismo e poesia, che omaggia la stagione d’oro del Noir e un’icona indimenticabile del cinema americano come appunto “Bogie”. Nel suo romanzo d’esordio, Diego Mondella si misura con un genere classico come quello della Hollywood novel, offrendone però una rivisitazione assolutamente personale.

6,9914,00
4,899,80
ebook - cartaceo
Visualizzazione veloce
Scegli

Volevo fare la ballerina di danza classica

[wc-ps]

Un libro per la Scuola…
Dove per significa: causa, scopo, passaggio, attraversamento…
Dove Scuola riprende le sue profonde radici greche nel significato di gioco, che è un sostantivo molto molto serio e le espande, frugifere, nel senso di palestra di Vita.
L’Autrice raccoglie in questo libro una quantità e qualità di esperienze vissute in varie realtà scolastiche: Sardegna, Veneto, Agro Pontino e, grazie ad una sua peculiare sensibilità, ne analizza acutamente le caratteristiche culturali, sociologiche, antropologiche, politiche… unificandole, e universalizzandole tutte, nel vero Protagonista: l’Alunno, cui si deve il massimo rispetto e per il quale si fa scuola…
Un libro che si legge ben sì con attenzione per la sostanza dell’argomento ma anche con piacere totale grazie ad un altissimo livello di stile, innato nell’Autrice, pur se affinato ‘retoricamente’, e sempre ‘in punta di penna’ dalla nobiltà della Sua Professione.
Un libro che insegna molto (e come!), un libro che, negli attuali marosi pericolosi in cui la Scuola rischia di naufragare, deve appartenere, di diritto e di dovere (del piacere s’è detto) alle biblioteche e, soprattutto, alle cattedre e poi ai banchi delle nostre scuole, dove si va per imparare, appunto, dove l’Autrice, con sacrificio (alla lettera!) e con piacere/dovere ha imparato ad imparare e ha imparato ad insegnare, sempre per i ‘suoi’ amatissimi Alunni.

 

16,00 11,20
Visualizzazione veloce
Aggiungi al carrello

Zibaldone Norvegico

[wc-ps]

«Scelsi la poesia lasciando perdere tutto il resto, vivo in Norvegia dal 1957, la mia lingua quotidiana è il norvegese, la lingua italiana l’ho adoperata completamente per scrivere. Il vangelo adoperato come poetica. Mia moglie ha avuto quattro figli avendo una vagina particolarmente esplosiva, dopo lavorato in fabbrica mi rinchiudevo in una cameretta e mi preoccupavo solo della scrittura … il sottoscritto poeta è tanto delinquente che se la ride di tutto il nostro male … Corpi di reato reperibili: Poesie blasferiche e tutte sgraffigniate».

Se c’è una cosa che più di tutte è riuscita a Luigi Di Ruscio è mettere in difficoltà non solo i suoi lettori, ma anche i critici, persino gli studiosi che più di altri lo hanno sostenuto e apprezzato … Come capita in tutti gli autori classici ha continuato a scrivere sempre lo stesso libro approfondendo gli identici temi.
ANGELO FERRACUTI

Di Ruscio è stato il poeta ruzzante di un corpo titanico mai separato dalla vertigine dell’anima e dalla materiale quotidianità dell’esserci per la vita, fino alla morte. La sua ostinazione etico-politica, il suo comunismo fragorosamente poe- tico, unito alla sua olimpica trascuratezza per le strategie letterarie, hanno fatto il resto.
MAURO F. MINERVINO

rassegnastampa

Prefazione di Angelo Ferracuti
(Nota di Mauro F. Minervino)[koo_icon name="undefined" color="" size=""]


5,9918,00
4,1912,60
ebook - cartaceo
Visualizzazione veloce
Scegli