Le mani di mio padre

Il tenente Paolo Cerasìa riceve un giorno una telefonata che gli comunica il ritrovamento dei resti del padre in una faggeta di Molochio, suo paese di origine con cui, da molto tempo, aveva reciso ogni legame. Il fatto risale a trenta anni addietro quando, mentre adempiva al proprio dovere, l’‘eroico’ poliziotto era stato vittima di un agguato omicida le cui circostanze, peraltro, non sono mai state chiarite. Questa è l’occasione per compiere anche un viaggio nella memoria che egli aveva sempre cercato di evitare, allontanandosi dal suo passato con determinazione sofferta. Da qui, la decisione di compiere delle indagini nel tentativo di smascherare i colpevoli: tale intento determina un fitto succedersi di colpi di scena degni della migliore tradizione narrativa poliziesca, la cui acme è rintracciabile in una rivelazione sorprendente capace di scardinare tutte le già deboli certezze dello ‘smarrito’ protagonista, unitamente al ‘mito’ della solidità di affetti della famiglia meridionale. Romanzo particolarmente suggestivo e dal linguaggio opportunamente privo di ingorghi descrittivi, che polverizza con fermezza tutti gli anacronistici topoi di cui, ancora, la produzione narrativa calabrese non è riuscita a liberarsi del tutto.

13,00

COD: 8881012391Categoria:
Anno di pubblicazione

2005

Numero pagine

176

Formato

Cartaceo

ISBN

88-8101-239-1

Autore

Siciliano Pino

Recensioni

Non ci sono recensioni

Scrivi una recensione a: “Le mani di mio padre”

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Editorial Review

[contact-form][contact-field label="Nome" type="name" required="true" /][contact-field label="Email" type="email" required="true" /][contact-field label="Sito web" type="url" /][contact-field label="Messaggio" type="textarea" /][/contact-form]