La pedagogia tedesca II volume

Contributi: Michele Borrelli: La ragione come processo di emancipazione del Gattungssubjekt nella Teoria Critica (Horkheimer / Adorno / Habermas); Karl Helmer: Pedagogia sistematica e retorica teoretica; Lutz Koch: Filosofia critica della Bildung; Dieter Lenzen: Riflessività e metèssi. Alcune riflessioni sulla fondazione di una pedagogia non intesa come scienza-azione ma che ha il suo punto di riferimento in Platone; Winfried Marotzki: Nuovi profili di pedagogia generale. La biografia come categoria di mediazione; Käte Meyer-Drawe: Apprendere dall’altro. Osservazioni fenomenologiche in pedagogia; Jürgen Oelkers: Antipedagogia. Argomenti e errori; Harm Paschen: Che cos’è la pedagogia e di quale scienza essa ha bisogno?; Jürgen-Eckardt Pleines: Sulla controversia intorno al concetto di Bildung. Uno schizzo metodologico; Klaus Prange: Passaggi. Sul rapporto tra educazione e apprendimento; Jörg Ruhloff: Bildung nell’uso problematizzante di ragione; Alfred Schäfer: Determinazione antropologica e esperienza formante. Annotazioni su un rapporto problematico; Heinz-Elmar Tenorth: Normalizzazione e via speciale. La scienza dell’educazione tedesca in prospettiva storica; Michele Borrelli: Dalla filosofia della Bildung alla scienza della educazione (Erziehungswissenschaft). Nota introduttiva ad una svolta teoretica pedagogicamente problematica.

20,66

COD: 8881010259Categorie: ,
Anno di pubblicazione

1996

Numero pagine

290

Collana

Scienza Pedagogica – Sezione Pedagogia Teoretica e Pratica

Formato

Cartaceo

ISBN

88-8101-0-259

Recensioni

Non ci sono recensioni

Scrivi una recensione a: “La pedagogia tedesca II volume”

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Editorial Review

[contact-form][contact-field label="Nome" type="name" required="true" /][contact-field label="Email" type="email" required="true" /][contact-field label="Sito web" type="url" /][contact-field label="Messaggio" type="textarea" /][/contact-form]