La letteratura calabrese per la scuola media – volume I

Autori e testi

Questo libro, La letteratura calabrese per la Scuola media, vol. I, è il racconto della nascita e dello sviluppo ininterrotto della civiltà letteraria calabrese: dalle origini al Barocco. Va dalla presenza, presso la Corte di Federico II, di poeti, come Folco Ruffo, e di scienziati, come Giordano Ruffo, a quella di Barlaam, che fu maestro di Francesco Petrarca, e di Leonzio Pilato, che per primo, in tutta l’Europa, tradusse dal greco in latino l’Iliade e l’Odissea di Omero e l’Ecuba del poeta tragico Eschilo. Grandi storici, come Giovanni Simonetta, e grandi umanisti, come Giulio Pomponio Leto, emergono nel Quattrocento. Nel Cinquecento s’impone la presenza di Bernardino Telesio la cui importanza è pari a quella di Galileo Galilei, e Galeazzo di Tarsia si rivela come il più possente lirico del secolo. Infine, il Seicento, il secolo del Barocco in cui non mancano i poeti barocchi calabresi, come Francesco Della Valle e Cesare Monizio. Così come non mancano i poeti dialettali, quali Duonnu Pantu, Ignazio e Giuseppe Donato. Il volume è completato da numerose schede didattiche, pubblicate a parte.

12,00

COD: 9788881014996Categorie: ,
Anno di pubblicazione

2008

Numero pagine

80

Formato

Cartaceo

ISBN

978-88-8101-499-6

Autore

Crupi Pasquino

Recensioni

Non ci sono recensioni

Scrivi una recensione a: “La letteratura calabrese per la scuola media – volume I”

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Editorial Review

[contact-form][contact-field label="Nome" type="name" required="true" /][contact-field label="Email" type="email" required="true" /][contact-field label="Sito web" type="url" /][contact-field label="Messaggio" type="textarea" /][/contact-form]