Enzo Moscato Il Teatro del Profondo

“Noi viviamo in momenti, non in anni”.
Ecco ciò che di più tangibile e reale ho appreso da mio padre, e
che m’insegna ancora ogni giorno.
Ci sono dei momenti debilitanti che ognuno vorrebbe dimenticare,
oscurare per sempre. Ma dimenticare non è facoltà dell’uomo:
la mente – che poi è il corpo (de-mente) – non scorda nulla, e ogni
istante incide il suo graffio indelebile sul muro-foglio di quell’indecifrabile
graffito d’organo che soliamo chiamare mente. Allora
non resta che nascondere, allontanare, sotterrare, ricoprire il vuoto,
così come il loto ha molti petali a proteggere il suo cuore, o, meno
romanticamente, come i mille veli fascianti l’aroma della cipolla.
E questi veli delicati, questi petali bianchi non sono altro, e quale
altro, che i momenti ri-creativi, ri-animativi e luminosi da opporre,
da sovrapporre al buio. Per oscurare il nero non servono altri colori,
bensì la luce, la forza/slancio della vita, la bellezza.
Uno di questi momenti davvero resistenti e vivifici è stato per me
l’incontro con Enzo Moscato. Un incontro molto lento, articolato e
curioso. Fu la cara prof.ssa Valentina Valentini, con la quale decisi
d’affrontare la mia tesi di laurea in DAMS, a parlarmi per la prima
volta del soggetto Moscato.

15,00

COD: 9788881014873 Categorie: ,
Anno di pubblicazione

2008

Numero pagine

184

ISBN

978-88-8101-487-3

Formato

Cartaceo

Autore

Stancati Mario Lino

Recensioni

Non ci sono recensioni

Scrivi una recensione a: “Enzo Moscato Il Teatro del Profondo”

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Editorial Review

[contact-form][contact-field label="Nome" type="name" required="true" /][contact-field label="Email" type="email" required="true" /][contact-field label="Sito web" type="url" /][contact-field label="Messaggio" type="textarea" /][/contact-form]