Cosenza e le sue famiglie

In passato, la Calabria fu abitata da Siculi, Enotri, Coni, Morgeti; Pelasgì. Itali, Bruzi ed ebbe il nome di Ausonia (terra abbondante), Esperia (rivolta ad occidente), Enotria (terra del vino), Italia (fondata da Italo) Vitulia (terra dei vitelli), Magna Grecia (più importante della Grecia), Brutium (abitata dai Bru­zi) e Calabria (terra d’ogni bene). L’immagine più bella di questa regione risale al periodo paleolitico di 10000 anni fa, e corrisponde a quella del “boss primigenius” scoperta da Paolo Graziosi nel 1961,nella grotta del Romito a Papasidero. Altre tracce di paleolitico si trovano nel fondo Casella di S. Pietro a Maida (Cz), nello Scoglio S. Giovanni a Cirella, nella Grotta della Madonna e Torre Nave di Praia a Mare, a Torre Talao di Scalea, Tortora, S. Nicola Arcella, S. Eufemia, Briatico, Monte Poro ed Arcbi. Siti umani e resti di un villaggio a capanne del periodo neolitico (VI, V millennio a. C.) sono stati scoperti a Favella della Corte nella Sibaritide. Insediamenti preistorici coevi sono presenti a Cassano (Grotta 5. Angelo), Amendolara, Papasidero, Praia a Mare, Curinga, Girifalco e S. Eufemia, molti dei quali sono stati rilevati da J. Ammerman nel 1974. Oggetti metallici dell’età del rame (III, Il millennio a. C.) sono stati trovati a Roggiano Gravina, 5. Domenica di Ricadi, Cotronei (Timpanello del Ladro), nel lago Ampollino, Vibo (Torre Galli), Torre Mordillo. Necropoli dell’età del ferro (X, IX sec. a. C.), con vasellami a pittura geometrica e manufatti in bronzo, sono state evidenziate a Castiglione di Paludi, Torre Galli di Tropea, 5. Onofrio di Roccella Ionica. Altre necropoli; dell’ottavo secolo a. C., a Torre Mordillo, Franca Villa Marittima e Canale. Fra l’ottavo ed il quinto secolo a. C., la Calabria fu colonizzata dai Greci. Nel 744 a. C., gli loni fondarono Reggio e Zancle (Messina). Nel 710 a. C., gli Achei costruirono Sibari la più bella ed opulenta città del mondo greco, e Crotone nel 708 a. C.. Nel 680 a. C., i Locresi edificarono Locri Epizefiri e, successivamente, Ipponio (Vibo), Medma (Rosarno) e Metauro (Gioia Tauro). I Crotoniati in­nalzarono Crimisa (Cirò), Petelia (Strongolì), Scillezio (Squillace), Caulonia, Terina. I Sibariti diedero vita a Poseidonia (Paestum), Laos, Scidros, Clampetia (Amantea), Temesa e Pandosia. Nel 560 a.C., i Locresi alleati con gli Spartani sconfissero i Crotoniati nella battaglia della Sagra. Nel 510 a. C., i Crotoniati capeggiati da Milone decimarono i Sibariti nella Valle del Trionto, distrussero la città di Sibari fondarono Thurio. Nel 388 a.C., i Locresi, con l’aiuto dki Dionisio II di Siracusa, sconfissero sul fiume Stilaro i Crotoniati, la cui patria era la capitale della Magna Grecia.

 

51,65

COD: 8881010674Categorie: ,
Anno di pubblicazione

2000

Numero pagine

824

Collana

Monografie Calabresi

Formato

Cartaceo

ISBN

88-8101-067-4

Recensioni

Non ci sono recensioni

Scrivi una recensione a: “Cosenza e le sue famiglie”

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Editorial Review

[contact-form][contact-field label="Nome" type="name" required="true" /][contact-field label="Email" type="email" required="true" /][contact-field label="Sito web" type="url" /][contact-field label="Messaggio" type="textarea" /][/contact-form]