Cognizione, intersoggettività e autismo

Un approccio interdisciplinare

Obiettivo di tale ricerca è di indagare il disturbo autistico (e, di conseguenza, la capacità intersoggettiva umana) in ottica multidisciplinare, attraverso l’analisi della letteratura retrospettiva cercando di dare un contributo all’ipotesi che l’autismo sia l’espressione finale di un disturbo intersoggettivo, causato da una vera e propria sindrome da disconnessione dello sviluppo cerebrale, che è al tempo stesso geneticamente determinata ed esperienza-dipendente e che si realizza a partire dalla primissima infanzia. La condizione del soggetto autistico emerge in tutta la sua tragicità, traducendosi in un fallimento del rapporto persona-persona, soggetto-soggetto. Il disfarsi dei meccanismi intersoggettivi è talvolta accompagnato da “isolotti di capacità” che danno credito all’ipotesi che la condizione autistica, resa tale da evidenti anomalie neurobiologiche, in alcuni casi porti i soggetti affetti da tale sindrome a “pensare” in modo diverso. Diversità che, accanto alla tragicità del vissuto esistenziale dell’autistico, può avere anche i suoi aspetti positivi.

20,00

COD: 9788868221263Categorie: ,
8
Anno di pubblicazione

2014

ISBN

978-88-6822-126-3

Numero Pagine

232

Collana

Filosofia Teoretica

Autore

Coglitore Giovanni

Recensioni

Non ci sono recensioni

Scrivi una recensione a: “Cognizione, intersoggettività e autismo”

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Editorial Review

[contact-form][contact-field label="Nome" type="name" required="true" /][contact-field label="Email" type="email" required="true" /][contact-field label="Sito web" type="url" /][contact-field label="Messaggio" type="textarea" /][/contact-form]