Canti e cantori bucolici

Esempi di poesia a soggetto pastorale fra Seicento e Ottocento

Il volume, che analizza esempi e forme di poesia a soggetto pastorale
fra XVII e XIX secolo, ha la sua origine prima nella suggestione
che tale poesia, genus fictum per eccellenza, fatto oggetto lungo i secoli
di riecheggiamenti innumerevoli, può esercitare su chi prediliga studi
dal taglio comparatistico proiettati, prevalentemente, verso il mondo
antico: e di tale suggestione, come pure di tali inclinazioni nella ricerca,
chi scrive è da sempre fortemente partecipe.
Della poesia d’ispirazione bucolica, sviluppata, dall’antichità al
mondo moderno, lungo percorsi che – tra vie maestre e diramazioni
secondarie – restano irriducibili a tentativi di classificazione pienamente
esaustivi, nonché codificata in topoi che finiscono per costituire un
autentico cifrario, si sono prese in esame alcune articolazioni peculiari,
notevoli, ciascuna, per un’intrinseca specificità.
I due idilli pastorali della Sampogna di Giovan Battista Marino esplorati
nella prima parte del volume, infatti, rappresentano un caso estremo,
spinto sin quasi al punto di rottura, dell’interpretazione metaletteraria
cui il genere pastorale, qui sottoposto a riletture e “torsioni” in una
vertigine di virtuosismi, può venir condotto.

15,00

COD: 9788881013845 Categorie: ,
Anno di pubblicazione

2007

Numero pagine

200

ISBN

978-88-8101-384-5

Formato

Cartaceo

Recensioni

Non ci sono recensioni

Scrivi una recensione a: “Canti e cantori bucolici”

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Editorial Review

[contact-form][contact-field label="Nome" type="name" required="true" /][contact-field label="Email" type="email" required="true" /][contact-field label="Sito web" type="url" /][contact-field label="Messaggio" type="textarea" /][/contact-form]